All’estremo sud del Mondo Ancestrale si trova il Regno di Nuaron, Dio Elementale della Terra. Gran parte del confine si vede costretto a far fronte ai ripetuti attacchi delle forze del Caos mentre il versante ovest si affaccia sul mare di fuoco e quello a sud sul Mare Nero. All’interno del regno si possono ammirare le possenti Catene Montuose di Anga’Rok, dove si dice che dimori il semi-dio.

Le informazioni su questo vasto regno sono il frutto di una collaborazione tra la Gilda dei Gemmologi e l’Ordine dei Kiluna: è possibile consultare qui un documento contenente maggiori dettagli sul Regno.

Le Province e il governo

Il regno è diviso in sette Province e otto Templi Sacri Maggiori. A Nord-Ovest si trova la provincia di Akaur-Dan, e la sua città fortezza di Akaur. A Nord si trova la provincia di Norai-Dan, con la città di Norai, e il cui confine maggiore è esposto al regno del caos. Al centro del regno sta la provincia di Makuron-Dan, governata dalla città di Makuron e ricoperta da fitte e rigogliose foreste. A sud est sta la provincia di Oron-Dan, dalle grandi e antiche montagne che accolgono la città di Oron. A sud ovest troviamo la provincia di Baran-Dan, detta il “Cancello sul Mare” che veglia dalla città di Baran sul golfo del Mare di Fuoco. A ovest, al centro del regno, troviamo la provincia di Suuito-Dan, che abbraccia un’enorme laguna sul Mare di Fuoco, ed è strettamente collegata a Ranga tramite la sua città di Suuito. Infine, a sud, collegata alle province più antiche, sta la provincia di Ranga-Dan, sede della capitale del regno di Nuaron, Ranga. In tutte le province è presente anche un Tempio Sacro Maggiore, più l’antico Tempio Sacro delle Montagne, situato tra i monti di Oron-Dan.

Il regno è governato da un consiglio di sette Governatori più otto Gran Sacerdoti. Ogni governatore sovrintende ad una provincia, e ogni Gran Sacerdote ad un Tempio. Il consiglio risponde direttamente all’Anga’Rok stesso o ai suoi emissari. Il maggior numero di Sacerdoti rispetto ai Governatori fa sì che in ogni decisione del consiglio sia il culto di Nuaron ad avere il più grande potere decisionale.

Nel regno di Nuaron vige una politica quasi dittatoriale che non prevede eccezioni, sconti di pena o amministrazioni diverse da quella della città nell’intero territorio. In ogni provincia il governatore sovrintende autonomamente la politica e applica la legge, ma questa proviene esclusivamente da Ranga. Per ogni

insediamento, poi, il governatore è rappresentato da un Messo d’Onore, che ne fa le veci politiche e legislative.

La città di Ranga è mediamente ricca, ma la maggior parte del territorio è in realtà piuttosto povera e vessata dalla guerra contro il caos.

La giustizia

La giustizia è duramente applicata nel regno. Ogni reato o peccato commesso nel territorio così come al di fuori del regno verrà sempre giudicato dal semidio della terra Anga’Rok, che deciderà se concedere ancora il cammino fra i vivi o scagliare nel buio della morte. In ogni villaggio, infatti, è presente un altare dedicato al semidio. Quando un criminale deve essere giudicato, egli viene portato al cospetto dell’altare, che ascolterà quanto l’accusato e l’accusa abbiano da dire. Una volta terminato questo processo, l’Anga’Rok, manifestando il suo potere attraverso l’altare, darà un giudizio ed una condanna. Nelle città che governano le province all’altare è sostituito un animale sacro che giudica i criminali: a Ranga è una coppia di lupi dell’Anga’Rok, a Suuito un’antica tartaruga Shunso col guscio di pietra e ametiste, a Makuron un tasso dalla pelliccia ricoperta di rune, a Oron una volpe delle montagne di Nuaron, a Akaur un cervo O’orok dalle corna in marmo bianchissimo, a Norai una talpa con gli occhi di quarzo, e infine a Baran una lince Ari’Nua dai colori di splendidi minerali.

Gli ordini sacerdotali e militari

La casta sacerdotale è piuttosto semplice. Ogni Gran Sacerdote sovrintende ad un Tempio Sacro Maggiore. Gli altri templi invece sono sotto le cure dei Venerabili. Quest’ultimi sono anche figure di fiducia del Gran Sacerdote in ogni Tempio Maggiore e sono sempre in tre: uno si occupa della Disciplina, uno del Culto e uno del Lavoro. I Venerabili hanno poi un numero variabile, ma mai inferiore a tre e mai superiore a sette, di Shiisen, i “luminosi”. Sotto agli Shiisen stanno poi tutti gli altri studenti, monaci e fedeli nel tempio.

Il regno conta come milizia tre tipi di ordini militari eccellenti nella propria arte di combattimento. “Le Montagne di Anga’Rok” sono un corpo composto da possenti giganti corazzati, dotati di una forza incredibile e capaci di far sprofondare per metri il terreno sotto di loro con un solo pugno; possono provocare piccoli terremoti, quando si mobilitano, e in molti li considerano la distruzione fatta in carne ed ossa. Alcuni di loro cavalcano delle bestie ancestrali donate dal dio stesso: un incrocio fra rinoceronti e tori che prendono il nome di Riorok. Il secondo ordine prende il nome di “Predatori di Ranga” e consiste in un corpo scelto di guerrieri in groppa a degli esseri capaci di scavare nel profondo del mondo; sia i guerrieri che i loro “Orrat” sono corazzati e si dice che chiunque senta tremare la terra possa aspettarsi l’avvento delle Montagne di Anga’Rok o i Predatori di Ranga. Infine, il terzo ordine al servizio del regno potrebbe sembrare il più innocuo. I suoi soldati sono esseri ibridi, non particolarmente alti e non hanno un vero e proprio corpo umanoide, ma un misto fra roccia e carne. Il loro potere viene dato direttamente da Nuaron e possono manipolare e plasmare il suolo a loro piacimento ovunque vi sia roccia o terra. La loro corazza è la loro stessa pelle e sono armati di alabarde bi-lama, con le quali possono spezzare il terreno. Essi prendono il nome di “Guardiani della terra.”

Le province

Ranga-Dan

Il territorio di Ranga-Dan è prevalentemente caratterizzato da basse alture granitiche e grandi formazioni di arenaria, e una vegetazione molto rada. La capitale è stata costruita su una di queste alture, in parte scavando case e edifici nella pietra, in parte costruendo con travi di Arenquercia, il legno degli alberi di pietra. Il territorio è troppo brullo e roccioso per le coltivazioni, e la maggior parte degli ortaggi proviene da province più verdi e fertili come Norai-Dan e Suuito-Dan. Questa provincia, tuttavia, sebbene povera di cibo, è estremamente ricca di doni del sottosuolo: Ranga-Dan è un ricchissimo sito di estrazione di minerali e rocce, persino più di Oron-Dan; inoltre, la provincia è in una posizione ottimale per comunicare in tempi

relativamente brevi con tutti gli altri territori del regno, rendendo Ranga una capitale centrale, sebbene poco produttiva di beni di consumo.

Ranga-Dan è la provincia più popolosa, e Ranga ha più abitanti di ogni altra città del regno. Tuttavia, la capitale è estremamente chiusa e le sue leggi non permettono a chi non sia fedele del Dio della Terra di entrare. I villaggi che circondano la capitale sono però numerosi e vivi, abitati da commercianti di gemme, metalli e rocce. In effetti, la vera spinta economica di Ranga è proprio il commercio che si crea all’esterno delle sue poderose mura. Il governatore della capitale e della provincia, nonché capo supremo di tutte le armate è il generale Gorack, che cavalca il primo Riorok donato dal dio Nauron, il più antico, grande e possente, e si dice che Gorack stesso sia tanto potente da essere inarrestabile per i suoi nemici.

Ranga, la capitale, è costruita su un’altura che dà un’ottima vista su tutto il territorio circostante. È circondata da enormi mura di pietra bianca, e gli accessi alla città sono solo due, su grandi ponti di granito che terminano con giganteschi portoni in arenquercia costantemente sorvegliati dall’esercito. Nella città si possono notare le maestose statue che raccontano le imprese del dio Nuaron mentre combatte in difesa del Mondo Ancestrale durante la Grande Guerra. Queste statue sono posizionate al centro della piazza principale in modo circolare e sembrano proteggere un ingresso per il sottosuolo: dove esso porti nessuno lo sa, perché a chiunque è severamente vietato oltrepassare quel varco e chiunque ci provi viene immediatamente catturato e portato al cospetto dell’Anga’Rok per essere giustiziato. Sulla grande piazza centrale si affacciano poi sia il palazzo del governatore che il Tempio Sacro Maggiore di Ranga, con le sue maestose pagode in legno di pietra e le decorazioni in oro, ottone e quarzo. Nella capitale poi si trovano anche istituzioni come l’antica sede della Gilda di Gemmologia, il palazzo di comando delle Montagne dell’Anga’Rok, e la vertiginosa Torre della Volpe, che serve da torre di guardia sulla città e sulla valle, ma alcuni sostengono che nasconda invece molti segreti del Regno.

Makuron-Dan

Makuron-Dan è una provincia per la maggior parte ricoperta da una rigogliosa foresta sacra, dove scorre il potere di Nuaron. Il territorio qui è fertile, ma la foresta impedisce per la maggior parte le coltivazioni. La parte nord della provincia è invece priva dell’antico bosco, ma comunque caratterizzata da un clima mite e verdi piane ricche di arbusti e frutteti piantati dalla popolazione locale. Nella foresta la fauna abbonda, e oltre agli animali più comuni si trovano piccoli branchi di lupi dell’Anga’Rok e Orsi Nua, che si dice proteggano il confine dal potere del Caos.

La popolazione della provincia è concentrata principalmente al confine della foresta, dove la vicinanza con il dio Nuaron è alta, ma anche dove è possibile piantare rigogliosi frutteti e allevare il bestiame. Lungo il bosco, dunque, sono sorti numerosi villaggi costruiti dapprima con il legno degli alberi caduti nella foresta, e successivamente con quello degli alberi piantati dalla popolazione. In effetti, abbattere gli alberi della foresta sacra è considerato un sacrilegio imperdonabile. Gli insediamenti di Makuron-Dan producono molta frutta, latte e carne, di ottima qualità.

Makuron è la città che governa la provincia. È costruita su una collina poco alta, al crocevia di tre importanti strade: una porta a Ranga, una corre lungo il confine, toccando Oron, Norai e Akaur, e l’ultima è quella che attraversa il confine verso il regno del caos. Nonostante questa posizione altamente strategica, Makuron non è fortificata come si potrebbe pensare, e anzi è una città principalmente di pace e passaggio, con pochi abitanti stabili. Il motivo è che la fiducia degli abitanti nel potere protettivo della foresta li ha convinti che costruire fortezze non fosse necessario. In effetti, non si registrano attacchi del caos a Makuron da quando si abbia traccia della sua storia. L’architettura della città è fatta di legno, pagode e vivi e pulsanti mercati. Questa commistione di mercanti da ogni luogo rende Makuron una città dalle mille sfaccettature, e sebbene il culto di Nuaron sia quello ufficiale, sono fioriti piccoli enclavi di culti differenti. Il governatore della provincia, Nashio, è un anziano statista e fedele convinto di Nuaron, così attento alla foresta che si dice che un grosso orso Nua lo segua costantemente, per proteggerlo.

Norai-Dan

Norai-Dan è la verde provincia del nord-est del regno. Sebbene spesso vessata dagli attacchi del caos, essa è caratterizzata da coltivazioni a vista d’occhio, grazie al suo terreno molto fertile e praticamente pianeggiante. La parte nord della provincia lascia spazio invece a terreni più argillosi e meno pianeggianti, ma la pazienza degli abitanti ha permesso di sfruttare anche questo territorio grazie all’uso di terrazzamenti. La fauna selvatica è poca, e la maggior parte degli animali è infatti bestiame allevato dai locali. Norai-Dan è affacciata per tutto il suo confine maggiore sul regno del caos. Questa vicinanza ha spesso causato problemi e razzie che minavano le fondamentali esportazioni di cibo della provincia. Negli ultimi due secoli, però, la popolazione ha unito la sua conoscenza della tecnica dei terrazzamenti con la magia dei Guardiani della Terra, creando un’alta muraglia di terrazze di terra e roccia, coltivabili da un lato, e ripide e brulle dall’altro. In cima alla muraglia una guarnigione intera osserva costantemente il confine. La titanica gradinata oggi prende il nome Pozze Celesti, poiché gli specchi d’acqua usati per la coltivazione del riso sui terrazzamenti riflettono la luce delle stelle nelle notti serene. La muraglia è stata recentemente completata lungo tutto il confine della provincia e si conclude a sud-est, con le più sicure terre di Makuron-Dan, e a nord-ovest con le aspre e duramente sorvegliate terre di Akaur-Dan.

La maggior parte della popolazione è stabile e sparsa in piccole comunità tra le coltivazioni, mentre un’altra, piccola parte è la guarnigione delle Pozze Celesti, ove vige la legge marziale, e infine una percentuale non indifferente è concentrata nella città di Norai. In generale, la popolazione è estremamente grata al dio Nuaron e a Ranga per la protezione che offrono quotidianamente.

Norai, al centro della provincia, prima una città di commercio ha assunto, nel tempo, le caratteristiche di una piccola fortezza. I continui assalti del caos hanno portato la popolazione a innalzare fortificazioni una dietro l’altra. Il cuore di Norai dunque è diventato un piccolo centro di comando, che gestisce le guarnigioni a protezione della provincia, mentre nelle cinte murarie più esterne si è stabilito un enorme e florido mercato dove tutte le produzioni della provincia vengono smistate per il regno di Nuaron. La governatrice, Myiohira, è molto amata per aver completato le Pozze Celesti, ma è anche una donna dura e ferrea nell’applicazione della legge, per garantire una spietata efficienza delle fortificazioni e del mercato.

Suuito-Dan

Suuito-Dan è una fertile provincia nella parte ovest del regno. La vicinanza del Mare di Fuoco nutre il terreno di un limo ricco di ceneri molto nutriente, rendendo Suuito-Dan il secondo produttore di beni agroalimentari, dopo Norai-Dan. La provincia abbraccia una grande laguna nel Mare di Fuoco. Il terreno è principalmente verde e fertile, ma il terriccio sottostante appare nero a causa delle braci estinte; inoltre, alcune spianate sono completamente arse dall’acqua fiammante. La parte veramente sfruttata per le coltivazioni è solo quella centrale della provincia, poiché sia a nord che a sud il terreno diviene più impervio, arido e roccioso, avvicinandosi a nord con le ripide coste rocciose di Akaur-Dan e a sud con il terreno granitico di Baran-Dan. La zona centrale della provincia invece è più pianeggiante e ricca di soffice terreno coltivabile, ed è anche l’unica abitata. Della provincia, solo Suuito ha una vera e propria costa, priva di fiamme, questo in virtù degli Accordi che sussistono tra i regni di Nuaron e Meninka.

Suuito sovrintende all’intera provincia. È una città di mare e di scambio ed è tra le città più sicure dell’intero regno, poiché protetta dalle eterne fiamme del Mare di Fuoco. La città è prospera solo grazie agli Accordi del Cancello, che le consentono di avere un porto attrezzato e delle rotte marine sicure tra le fiamme. Infatti, secoli fa, i regni di Meninka e Nuaron siglarono un trattato: il regno di Nuaron avrebbe difeso gli accessi al mare a sud, al Promontorio d’Ossidiana, e in cambio il regno di Meninka avrebbe fermato le fiamme nel porto di Suuito e concesso ad alcune delle navi del regno di Nuaron di navigare al sicuro su rotte prive di fuoco. Così Suuito è diventata un porto importante, perché consente di trasbordare in sicurezza da un regno all’altro e da una provincia all’altra attraverso rotte che nessun altro può seguire. A parte l’altissimo valore strategico, però, la città non ha molte altre peculiarità. Il governatore, l’ammiraglio Kyonaga, è un veterano della

navigazione e governa con molta saggezza la città, ma applica lo stesso rigore militare anche alla gestione delle terre coltivate, e questo non sempre è apprezzato dalla popolazione.

Oron-Dan

Oron-Dan è la provincia nella parte sud-est del regno. La parte ovest della provincia presenta un terreno roccioso e brullo, simile a quello di Ranga-Dan, mentre la parte est è completamente occupata dalla massiccia catena montuosa dell’Anga’Rok. Il territorio di Oron-Dan è nel complesso ben poco coltivabile. Nel sottosuolo, poi, si trovano numerosi minerali e metalli, anche rari, caratteristica che rende questa provincia, dopo Ranga-Dan, il più prolifico e attivo sito di estrazione del regno. In questo territorio vivono molte specie animali particolari, come gli U‘Ngaor, grossi mammiferi d’alta montagna dalla folta e calda pelliccia, utilizzata ancora oggi dagli abitanti contro le tormente, e dal latte molto nutriente, che i locali considerano un dono dell’Anga’Rok stesso; i Koikuut, equini forti e resistenti, utilizzati per spostarsi tra i sentieri montani; infine le curiose scimmie Yujiro, che decorano le loro teste con le piume cadute dei rapaci.

La popolazione di Oron-Dan è molto scarsa. Il clima, specie sulle montagne, è molto rigido, e solo poche comunità di minatori e gemmologi riescono a resistere per lunghi periodi. La maggior parte della popolazione è addensata nella città di Oron, dove è molto forte l’influenza dei gemmologi e dei fabbri. La provincia è tuttavia un luogo di pellegrinaggio, poiché tra i monti si trova il primo e più antico Tempio Sacro del Regno, quello che si dice custodisca un Germoglio di Pietra, proveniente dall’albero divino che da Nuaron stesso scaturisce.

La città di Oron non è certamente la più popolata del regno, ma è in realtà antica quasi quanto Ranga, come testimoniano ancora le sue strutture scavate nella roccia e dai pesanti mattoni in granito e arenaria. La città possiede numerosi antichissimi documenti e tavole, rendendola di grande valore storico e ricca di conoscenze ormai perdute. Purtroppo, nonostante questi pregi, Oron rimane una città di passaggio per molti che si avventurano tra le montagne. La governatrice, Imaeda, più che tentare di attirare inutilmente abitanti stabili, si dedica a preservare e riscoprire quanto di antico la città cela, sebbene girino voci che tenti di trovare una specie di antico manufatto per fini personali.

Baran-Dan

Baran-Dan è la provincia nella parte sud ovest del regno. È caratterizzata a ovest da una stretta penisola che divide il Mare di Fuoco dalle acque più oscure del Mare Nero, che prende il nome di Cancello delle Rocce, e da una laguna a est da un terreno roccioso, ricco di scogli eroso da secoli di flutti. Baran-Dan è una provincia principalmente marittima. La sua laguna è un punto pescoso, forse l’unico veramente agibile del regno, nonostante le sue coste sud lungo Oron-Dan e Ranga-Dan. Il motivo è che il Mare Nero è un mare pericoloso e ben pochi pescatori vi si avventurano, mentre la laguna di Baran-Dan è un’area più protetta e tranquilla. La vegetazione è scarsa, lungo la provincia, e presenta macchie di arbusti vicino alle zone costiere e alla laguna, e poco altro. La fauna di terra è esigua, con la presenza caratteristica di crostacei come gli sfuggenti ma ricercati granchi Bara Bara, rettili come le grandi e longeve Tartarughe Shunso e mammiferi come le Linci Ari’Nua, dal manto dei colori di minerali e gemme, ghiotte di pesce e crostacei. Sulla punta della penisola, al Promontorio D’Ossidiana, è stabile un’importantissima guarnigione che si occupa di vigilare sugli accessi al Mare di Fuoco come previsto dagli Accordi del Cancello. La guarnigione è di stanza in un’antica fortezza di granito che è detta il Pilastro Divino, costruita su dove leggenda vuole che Nuaron abbia fissato la costa al mare con un titanico pilastro di roccia.

Baran è la città che sovrintende alla provincia. È il presidio principale per gli Accordi del Cancello, e un’antica città al centro della penisola, che tiene sotto controllo entrambe le coste. Le sue mura sono molto vecchie, e coperte di grandi incrostazioni verdastre di salsedine, che le danno un aspetto del tutto particolare e caratteristico. Baran era una città in cui si stabilivano le famiglie di pescatori, ma sta diventando sempre di più una città militare, grazie ai fondi e alle energie richieste per rispettare gli Accordi. È inoltre il passaggio

obbligato per tutti i militari in transito verso il Pilastro Divino, e questo via vai dell’esercito dona sicurezza, stabilità e fedeltà della città al regno. Il governatore è il Capitano Akeno, un Predatore veterano di innumerevoli battaglie, dalla forza e possanza incredibile e dalla pelle coriacea grazie alle infinite cicatrici, è un uomo duro e marziale, ma rispetta con onore le tradizioni della città, e con spietata disciplina gli Accordi.

Akaur-Dan

Akaur-Dan è la provincia più a nord del regno. La parte nord della provincia confina con il regno del caos, mentre la parte sud è formata da un lungo strapiombo, frastagliato e vertiginoso, a picco sul Mare di Fuoco. Akaur-Dan è una provincia con un territorio brullo, ma coperto di verdi prati, sebbene il cielo sia quasi sempre coperto a causa dell’incontrarsi delle nuvole di cenere dal Regno di Meninka e delle correnti ascensionali del Mare di Fuoco, che generano molte nuvole e tempeste. Siccome la provincia è quasi completamente disabitata, la fauna e la flora sono ben variegate e vive. Si trovano molti piccoli mammiferi e rapaci, e specie altrove assenti come branchi di ungulati, tra cui figurano Felsdàini, arieti rocciocorno e i rarissimi e sacri Cervi O’orok, che si dice con la loro purezza respingano l’influenza del caos da quelle zone.

Akaur-Dan non è una provincia in cui le persone abitano. La popolazione civile è quasi completamente concentrata nella città fortezza di Akaur, e sono pochissimi quelli che vivono nel resto del territorio. Il motivo è semplice: la provincia è altamente militarizzata, poiché qui si addestrano la maggior parte truppe dell’intero esercito del regno, viste le condizioni durissime della vita in questa provincia. Inoltre, Akaur-Dan deve resistere agli assalti del Caos, poiché non è protetta né dalle Pozze Celesti, né dalla Foresta Sacra, né dalle Montagne. La provincia è scoperta, ed una via preferenziale per infliggere un grave danno all’esercito del regno, semmai il caos decidesse di assediarne le fortezze. Questo rende l’esercito del regno di Nuaron tra i migliori quando si tratta di resistere e rispondere senza esitazione, come una montagna resiste alle tempeste e distrugge i suoi nemici con inarrestabili frane.

Akaur è la città fortezza che sorveglia l’intera provincia. Come fortezza, è enorme, circondata da alte mura di pietra e cinquanta torri di granito, entrambe costantemente sorvegliate. La vita ad Akaur segue gli inflessibili ritmi dell’esercito, e gli abitanti devono obbedire a coprifuoco notturno, ispezioni mensili e leva obbligatoria al compimento dei sedici anni. Chi non rispetta la legge marziale viene esiliato o ucciso. Dentro le mura vi sono numerose infrastrutture per l’addestramento, e un titanico palazzo di pietra al centro della città, dove il governatore e i generali dimorano, permette di scrutare ben oltre le mura, e si dice sia inespugnabile e indistruttibile. Il palazzo, chiamato dalla popolazione il Bastione, ha al suo interno anche la maggior parte della burocrazia militare della provincia, e come una macchina perfetta, coordina tutte le operazioni e le guarnigioni che presidiano Akaur-Dan e i territori circostanti, come le Pozze Celesti. Il governatore è il generale Kyoden, il “Pugno dell’Anga’Rok”, una delle Montagne, tra i più forti e inarrestabili, secondo solo a Gorack in termini di forza e grado militare. Sotto la guida di Kyoden, Akaur resiste gloriosamente ad ogni singolo assalto del caos, e spesso il generale combatte in prima linea, cavalcando il suo Riorok “Val’Kaoron” e impugnando due enormi mazze da guerra incantate col potere di Nuaron.