Le Divinità Elementali nascono spontaneamente dal Mondo Ancestrale stesso. Esse sono molto conservatrici e tendono a rispondere solo alle leggi della natura. Non si controllano e non si fronteggiano, sono i padroni del sottosuolo, della terra, del mare e dell’aria. Non discutono su principi e filosofie, semplicemente garantiscono la sopravvivenza del mondo. Esse nascono dalla creazione stessa delle tre divinità principali, ma la loro potenza è ben superiore a quella di un semidio tanto da fronteggiare le divinità stesse. Alcuni popoli e tribù hanno sviluppato un vero e proprio culto delle divinità Elementali, i più fanatici le considerano addirittura superiori alle tre Divinità principali dal momento che abitano regni a loro dedicati. Non si sa molto altro su di loro, una sola volta si sono manifestati nella storia del Mondo Ancestrale, causando un cataclisma che ebbe ripercussioni in ogni angolo di mondo. Da allora tale avvenimento si è arricchito di miti e leggende anche se alcuni maghi fondano la loro magia su queste forze naturali e alcune tribù li venerano ancora. Essi non assumono la figura fisica di esseri viventi bensì sfruttano gli elementi per darsi un volto ed esprimersi.


SHAURAN

Dea del vento e delle sue intemperie, viene venerata soprattutto nelle località vicine a mari e laghi, ma anche sulle vette più alte delle montagne. Rappresentata con il simbolo del vento, è il protettore dei marinai e dei pellegrini, delle Grandi Aquile, dei Draghi e di tutte le creature del cielo.
Torna all’inizio


ERAIJHA

Dea dell’acqua in ogni sua forma, viene venerata soprattutto nei luoghi di siccità ed è la Dea protettrice dei malati e degli agricoltori. Porta l’antico simbolo dell’acqua, ma non è raro trovarla rappresentata come una sirena. Anch’essa rimane una divinità molto pregata dei marinai e nella maggior parte dei regni situati vicino ai mari.
Torna all’inizio


MENINKA

Dio del fuoco, è una divinità temuta perché insidiosa e rabbiosa… Protettore degli artigiani viene adorato soprattutto dai popoli  adiacenti al grande vulcano. Anche egli compare con il suo antico simbolo del fuoco. A lui è legato il Mare di fuoco.
Torna all’inizio


NUARON

Dio della terra, il suo culto si è quasi perso, anche se viene ancora venerato da alcuni abitanti delle zone rurali e molti clan barbarici. È il protettore dei contadini e dei minatori e anche lui ha il suo simbolo rappresentativo anche se in alcuni antichissimi bassorilievi compare sotto forma di albero.
Torna all’inizio